.

loading...

CONDIVIDI con Amici

Bookmark and Share

mercoledì 16 giugno 2010

Stress positivo o negativo





Stress è un termine comune, una condizione espressa in parole e vissuta in molti momenti della giornata. Ciò che non tutti sanno, è che in origine la parola aveva un significato neutro; si differenziava lo stress positivo (eustress) da quello negativo (distress). Nella concezione neutra, lo stress non ha nulla che si deve evitare, anzi è necessario nella vita.

Cos’è lo stress
Il termine stress viene dall’inglese e significa letteralmente tensione, sforzo, sollecitazione. Nel linguaggio comune è usato come sinonimo di ansia e affaticamento psico-fisico, in rapporto a situazioni di vita ad alto contenuto emotivo. Ma è importante distinguere tra stressor e stress. Il primo è una situazione-stimolo generica, cioè una qualsiasi cosa che ci accade, che può avere una connotazione sia positiva che negativa. Lo stress propriamente detto consiste nella risposta generica del nostro organismo allo stimolo stressante. Di solito i due termini vengono spesso confusi e si indica come stress sia lo stimolo stressante che la risposta di stress.

Cosa accade a mente e corpo nelle situazioni di stress
Nel caso di stress acuto uno stimolo qualsiasi determina nell’organismo una velocissima risposta biologica, chiamata reazione di allarme, con attivazione di vari sistemi. Lo scopo di questa reazione è preparare l’organismo a fronteggiare la situazione stressante. Nel sistema nervoso centrale si modifica la produzione di vari neurotrasmettitori, con l’aumento di adrenalina e noradrenalina. Anche il sistema endocrino reagisce allo stressor con l’aumento del cortisolo, dell’ormone della crescita, di prolattina, e anche degli gli ormoni tiroidei, della glicemia e del colesterolo, mentre si abbassano gli ormoni sessuali. Nel sistema immunitario assistiamo prima ad una diminuzione della risposta immunitaria, con minor produzione di anticorpi, successivamente invece, passato lo stress si possono innalzare le difese immunitarie. A livello somatico il cuore batte più forte, aumentala pressione arteriosa, compaiono tremori diffusi, sudorazione, bocca secca e talvolta mal di testa.

La reazione di adattamento
Le persone reagiscono allo stress adattandosi ai cambiamenti improvvisi nell’ambiente; questa capacità di adattamento è fondamentale per la sopravvivenza in quanto l’organismo si organizza per ripristinare un equilibrio psicobiologico alterato dallo stimolo agente. In questo caso si parla di stress positivo. Quando invece la reazione di stress è troppo intensa o lo stimolo negativo è eccessivamente prolungato, l’organismo non riesce più a ristabilire l’equilibrio normale per cui le variazioni sopra descritte tendono a diventare più stabili. In questo caso si parla di stress cronico che a lungo andare determina una diminuzione delle capacità di risposta e di adattamento con comparsa della sindrome da esaurimento. Quindi lo stress acuto non fa male, purché si abbia il tempo giusto per recuperare, mentre lo stress cronico sì, perché potrà trasformarsi in disturbi di ansia.

Quali terapie contro lo stress
I trattamenti per gestire lo stress sono numerosi:
  • intervenire direttamente su ciò che ci stressa (cambiare lavoro, amicizie, etc).
  • Usare alcuni psicofarmaci, molto utili nelle fasi acute, ma non consigliabili a lungo termine.
  • Affrontare un percorso di psicoterapia che aiuta ad identificare e modificare le varie idee disfunzionali.
  • Dedicare qualche ora alla settimana a tecniche di rilassamento psicofisico come il biofeedback, training autogeno e yoga.

. Ricarica GP . .

2 commenti:

  1. Conferenza Roma - Scuola senza stress.
    Conferenza - 29 marzo 2011, ore 16.15
    Politecnico Fandango - Via Tiepolo 13/A – Roma
    L’incontro è pubblico – Vogliate gentilmente confermare la vostra partecipazione
    Meno stress, un cervello migliore,
    risultati scolastici più soddisfacenti
    con il “momento di quiete in classe”
    Studenti americani in visita a Roma lo dimostrano con l’elettroencefalografo

    Il 29 marzo un gruppo di studenti delle medie superiori provenienti dagli USA condividerà con studenti, inse-gnanti, genitori e autorità scolastiche la loro esperienza di studio che comprende un programma per eliminare lo stress, migliorare il benessere e la capacità di studenti e insegnanti e contrastare i problemi della scuola.
    Sono allievi della Maharishi School di Fairfield, Iowa, la scuola che da più di 30 anni ha integrato nella giornata scolastica uno speciale “momento di quiete in classe” per sviluppare le potenzialità degli studenti, facilitare l’apprendimento e creare un clima scolastico sereno. I risultati le hanno dato ragione. I suoi studenti sono sempre primi in graduatoria nei test standardizzati nazionali e in 10 anni hanno vinto 100 gare internazionali e nazionali di molte materie, tra cui scienze, matematica, risoluzione creativa dei problemi, recitazione e sport.
    Il “momento di quiete in classe” sviluppa il funzionamento del cervello
    La giornata nella Maharishi School inizia e finisce con un “momento di quiete in classe” durante il quale studenti e insegnanti praticano per pochi minuti la tecnica di Meditazione Trascendentale di Maharishi. La Meditazione Trascendentale è una tecnica semplice, naturale, priva di connotazioni religiose e adatta a tutti che procura un riposo molto profondo, elimina lo stress alla radice e normalizza il funzionamento del cervello.
    Ricerche scientifiche dimostrano che più il cervello funziona in modo integrato e completo, più gli studenti sono attenti e intelligenti, migliori sono i loro risultati. Ciò spiega perché gli studenti che praticano questa tecnica sono più calmi ma, allo stesso tempo, svegli e dinamici; hanno più memoria e sono più maturi; sono meno soggetti ad ansia e depressione, a comportamenti violenti e all’uso di alcol e droghe, e ottengono voti migliori.
    Durante la conferenza sarà utilizzato un elettroencefalografo per dimostrare come in pochi minuti di pratica della Meditazione Trascendentale il cervello funziona in modo più ordinato ed efficace.
    Grazie al regista David Lynch, il “momento di quiete in classe” per 150.000 studenti
    Grazie ad una Fondazione creata dal regista David Lynch, in soli cinque anni il "momento di quiete in classe" per la pratica della Meditazione Trascendentale è diventato parte del programma di 350 scuole pubbliche e private, laiche, cattoliche e di altre confessioni, di Stati Uniti, America Latina e di molte altre nazioni.
    Il 23 marzo gli studenti americani incontreranno in Sicilia gli allievi della scuola media Edmondo De Amicis di Tremestieri Etneo (Catania), la prima scuola italiana che ha adottato il “momento di quiete in classe” e che nella stessa occasione stringerà un gemellaggio con la Maharishi School.
    Informazioni:
    Chris Higgins chris.higgins.roma@gmail.com - tel 3271519560
    Roberto Baitelli: roberto.baitelli@fastwebnet.it - tel.347 0354865
    http://www.scuolasenzastress.it http://www.maharishischooliowa.org

    RispondiElimina

Eseguiamo Siti e Blog personalizzati visita : http://www.cipiri.com

loading...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Elenco Blog Amici

Scegli una carta delle IMAGO


CLICCA QUI SOTTO
.