CONDIVIDI con Amici

Bookmark and Share

mercoledì 30 settembre 2009

Tossinfezioni alimentari casalinghe



.

.
Tossinfezioni alimentari casalinghe

Le intossicazioni alimentari sono causate spesso da una nostra negligenza nel trattare e consumare i cibi. Vediamo quali accortezze usare per evitare questo spiacevole inconveniente.


Quando si sente parlare di sicurezza alimentare e di problematiche connesse al cibo, subito accorrono alla mente immagini legate a sequestri di cibo, alimenti avariati, etichette false, supermercati e ristoranti coinvolti. Ma spesso molti problemi di salute causati dal cibo sono, ahimè, originati all’interno delle quattro mura domestiche, proprio dove nessuno si immaginerebbe, poiché è più facile imputare all’esterno le colpe, le disattenzioni, le temperature non rispettate e via dicendo. Ma in casa le tossinfezioni alimentari possono svilupparsi e causare, al pari di quelle che si originano in una mensa aziendale o scolastica, le stesse identiche problematiche.




Cerchiamo allora di capire quali sono gli accorgimenti di igiene sia alimentare che ambientale, grazie ai quali si possono evitare e prevenire.

L’igiene è una materia estremamente ampia che abbraccia l’igiene degli ambienti, degli alimenti e della persona; infatti i tre “contesti” possono essere fonte di problematiche alla salute se non gestiti al meglio.

Le tossinfezioni alimentari cosa sono? Vengono anche chiamate intossicazioni alimentari e derivano dal consumo di alimenti o bevande che hanno subito una contaminazione, cioè sono venuti a contatto con un agente contaminate di origine varia.

Tra i contaminanti più diffusi: batteri, virus, muffe, insetti, roditori ecc. I contaminanti possono essere anche di origine chimica o fisica, ma in questo caso causeranno altre problematiche, non tossinfezione alimentare.

In linea generale i cibi possono contenere dei microrganismi che, in ridotte quantità, non rappresentano un rischio per la salute umana, ma se le condizioni ambientali diventano particolarmente favorevoli, ecco che i microrganismi si moltiplicano velocemente nel cibo e vengono consumati inconsapevolmente dall'uomo, provocando i tipici sintomi quali: emicrania, febbre, vomito, spasmi a livello gastrico, dissenteria ecc.




Quali sono gli errori più comuni?

Ad esempio la cattiva conservazione, ovvero lasciare dopo la cottura gli alimenti a temperatura ambiente e ciò vale soprattutto per le carni, le minestre, il brodo o i preparati a base di uova. La migliore prassi sarebbe invece riporre l’alimento subito nel frigorifero, in modo da evitare l’eventuale contaminazione e moltiplicazione batterica. Imparare e conoscere bene le modalità di conservazione dei diversi alimenti: esistono in commercio degli alimenti particolarmente delicati, poiché il loro contenuto in acqua è elevato, così come la loro composizione ricca di grassi e proteine può trasformare l’alimento in un perfetto ricettacolo di batteri. Si tratta di alimenti facilmente deperibili, come ad esempio il latte e tutti i derivati, le uova e tutti gli alimenti che con esse si possono preparare, ad esempio creme e maionese. Per questi alimenti bisogna davvero avere molta attenzione e riporli subito alla temperatura adeguata.

Tra gli alimenti più deperibili, anche i surgelati. A questo punto è bene introdurre il concetto igienico di “catena del freddo”, ovvero il percorso che tutti gli alimenti, sia freschi che congelati, compiono dall’azienda produttrice fino alle nostre case; questo percorso è caratterizzato da una temperatura che deve rimanere costante, soprattutto nel caso dei surgelati, infatti all’interno dei supermercati vengono vendute apposta le borse termiche per favorire il trasporto di pesce e gelato fino a casa mantenendo la temperatura corretta.

Se la nostra spesa prevede l’acquisto di prodotti freschi o surgelati, sarebbe quindi opportuno portare la borsa termica con noi, così eviteremo di provocare sbalzi di temperatura che andrebbero solo a favorire la moltiplicazione batterica nel prodotto. I prodotti surgelati non vanno mai scongelati e poi fatti ricongelare, sarebbe davvero un grosso errore a discapito della sicurezza e della salubrità dell’alimento, è possibile trovare in commercio del pesce venduto come scongelato: questo pesce dopo l’acquisto deve essere subito cotto e mangiato, ma assolutamente non ricongelato. Non è possibile vendere pesce scongelato senza questa indicazione riportata sulla confezione.

Altri accorgimenti che dobbiamo attuare nelle nostre cucine riguardano il controllo della dispensa, relativamente alle date di scadenza, questo per evitare di consumare erroneamente dei prodotti scaduti e quindi potenzialmente pericolosi, ciò vale per tutti gli alimenti, ma soprattutto per verdure conservate sott’olio a livello domestico, dove si dovrà fare la massima attenzione.




Quando stiamo preparando le diverse pietanze, evitiamo la contaminazione crociata, cioè l’utilizzo di alimenti diversi preparati sullo stesso piano di lavoro o tagliere. Il tagliere può essere un ricettacolo di microrganismi vari, sarebbero da evitare quelli di legno, se non che per tagliare il pane, son da preferire quelli di plastica da impiegare in modo specie-specifico: un tagliere per le carni, uno per le verdure e così via.

Evitare inoltre di preparare sullo stesso tagliare cibi cotti, mischiandoli con cibi crudi, quest’ultimi possono esser portatori di batteri patogeni, mentre in quelli cotti, proprio grazie alla cottura i batteri non ci sono più.




Per quanto concerne l’igiene della persona e l’igiene ambientale, ecco piccoli consigli.

Lavarsi le mani è la prima regola per una corretta prassi igienica, in questo modo si evita di toccare il cibo e veicolare in esso una moltitudine di germi; questa regola vale soprattutto dopo aver utilizzato i servizi igienici. Sembrerà strano, e per alcuni ovvio, ma negli ospedali è la prima regola da rispettare. Nei bar dove si sono trovati, grazie a controlli mirati, dei panini contaminati, i batteri riscontrati erano proprio di origine fecale…traete le vostre conseguenze.




A livello di igiene degli ambienti, tenere la cucina sempre ordinata e pulita, senza diventare maniaci dell’igiene ma soltanto adottando il buon senso, cambiando spesso gli strofinacci e le spugnette, altri ricettacoli di germi, si perverranno già molti attacchi.

.
OROSCOPO
.

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti e Blog personalizzati visita : http://www.cipiri.com

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...