CONDIVIDI con Amici

Bookmark and Share

sabato 11 febbraio 2017

Tosse : Cause e Rimedi


La tosse può colpire saltuariamente anche i soggetti che hanno una salute di ferro e, in genere, 
va via da sola senza creare troppi problemi. Alcune persone, però, sono più predisposte delle altre 
all’insorgenza di questo disturbo, che può cronicizzarsi e diventare complicato
 da gestire nella vita di tutti i giorni.

Ma quali sono le cause che portano all’insorgenza della tosse? Si può fare qualcosa per farla 
guarire prima? Esistono dei rimedi davvero efficaci contro questo disturbo? 

Cos’è la tosse?

La tosse è una risposta automatica ed incontrollabile della gola alla presenza di corpi estranei o di 
sostanze irritanti e/o tossiche. Si tratta di un meccanismo in grado di proteggere la gola e liberarla 
tempestivamente dai corpi estranei o dalle sostanze che potrebbero attaccarla o farla infiammare.

E’ il cervello ad inviare l’impulso di “tossire” ai muscoli di addome e diaframma, dopo essere stato 
sollecitato dai nervi presenti nell’apparato respiratorio.

La tosse non è altro che dell’aria che viene spinta fuori dai polmoni a grande velocità, per “ripulire” il tratto interessato dell’apparato respiratorio ed espellere tutti i corpi estranei e/o le sostanze pericolose.

La tosse può essere secca o grassa, saltuaria o cronica, e può contenere tracce di muco o sangue a 
seconda delle problematiche e delle patologie che hanno colpito il soggetto interessato. In linea 
generale si parla di tosse cronica quando il problema supera le 3 settimane.

Sintomi correlati alla tosse secca

Nella maggior parte dei casi, la tosse secca non è un sintomo a se, ma è accompagnata da altri fastidi 
che variano in base alla causa scatenante. Poiché la tosse secca è quasi sempre presente durante gli 
stadi influenzali, è spesso accompagnata da febbre, malessere generale, mal di gola, voce rauca o 
assente, nausea, vomito e dolori articolati.
 Si aggiungono a questi sintomi, anche se meno di frequente, 
alitosi, diarrea, gengive sanguinanti e inappetenza. Anche nei bambini la tosse secca può essere 
accompagnata dagli stessi sintomi che si presentano nei soggetti adulti. 

Quali sono le cause scatenanti della tosse secca?

Le cause della tosse sono tantissime: da virus ai batteri, dal contatto con un allergene all’aspirazione di una sostanza tossica, dall’asma al raffreddore, dall’assunzione di alcuni farmaci alla presenza di 
patologie specifiche (cancro, bronchite, difterite, laringite, tubercoli, pertosse e così via).

Una tosse normale tende a risolversi autonomamente o con l’ausilio di farmaci comuni. Se sono 
trascorse più di 2-3 settimane e la tosse non passa, è arrivato il momento di iniziare a preoccuparsi. Il 
primo passo è cercare di capire quali sono le cause scatenanti della tosse.

Se soffrite di tosse secca è molto probabile che il problema risieda
 al livello della laringe o della trachea. 
Nella maggior parte dei casi la causa è un’infiammazione, 
che invia continuamente al cervello il messaggio di tossire.

La tosse secca si presenta senza l’espulsione di muco o catarro, ma può essere comunque molto 
fastidiosa per chi ne soffre. La tosse secca persistente e cronica, oltre a rappresentare un rischio per la salute di tutto l’apparato respiratorio, può dare origine a lesioni ai polmoni e ai bronchi, può causare 
insonnia, spossatezza, stress e molto altro.

I rimedi naturali contro la tosse secca.

Prima di ricorrere ai farmaci, potete provare ad alleviare i sintomi della tosse secca con i classici “rimedi della nonna”. Uno dei più efficaci è il latte caldo con qualche cucchiaio di miele: un vero toccasana. Se siete amanti dei rimedi erboristici non esitate e procuratevi della Malva oppure della Propoli: entrambi hanno eccezionali virtù calmanti ed antinfiammatorie,
 l’ideale contro la tosse secca. 
In particolare:
La malva svolge azione protettiva a livello dell’epitelio e disinfiamma le mucose
L’altea essendo ricca di mucillagini addolcisce la mucosa della gola
Il tiglio, in particolare i suoi fiori, protegge la mucosa faringea 
e tracheobronchiale quando si presenta la tosse secca
Il miele e il propoli hanno un’azione calmante
I farmaci per combattere la tosse secca.

Oltre ai rimedi naturali, esistono molti farmaci in grado di curare questo disturbo. Se a soffrirne è un 
bambino, piuttosto che ricorrere a farmaci molto aggressivi, 
si può utilizzare un mucolitico da assumere via aerosol.

Per quanto riguarda i medicinali veri e propri, i più indicati sono quelli a base di Destrometorfano, di 
Butamirato oppure di Dropropizina, che possono presentarsi in diversi formati, come le compresse, le gocce e gli sciroppi.

In generale i farmaci utilizzati più comuni sono quelli sedativi, che vanno quindi ad esercitare un’azione calmante, senza però trattare la causa del problema.  Ovviamente è solo un palliativo. Se il medico lo ritiene necessario, bisogna curare la malattia alle origini. Nel caso in cui alla tosse secca si aggiungono come sintomi mal di testa, dolori articolari, febbre, brividi di freddo e malessere generale, si può ricorrere all’uso dei comuni analgesici, i Fans, 
quali il Naprossene, l’Ibuprofene ed il Paracetamolo.

Ovviamente in base al tipo di tosse, si segue un trattamento diverso e l’utilizzo di farmaci specifici. Ad esempio per la tosse derivante dall’asma, una patologia allergica, è trattata efficacemente con farmaci antistaminici o con i glucocorticoidi da assumere per via inalatoria. Se la causa scatenante è la bronchite, che ricordiamo comincia con una tosse secca per poi diventare produttiva (tosse grassa) 
durante il decorso della patologia, bisogna agire con antibiotici per eliminare l’infezione, e assumere 
farmaci antitussivi e broncodilatatori al fine di alleviare i sintomi.

La tosse secca causata da laringite virale o tracheite è trattata con farmaci antitussivi e prodotti 
demulcenti a base di glicerina, sciroppo d’acacia, liquirizia e miele, placando l’infiammazione. 

Ovviamente qualora fosse necessario, entrano in gioco gli antibiotici e gli antivirali specifici per il 
patogeno responsabile della malattia.  Quando la causa è la pertosse, si agisce combattendo il 
patogeno Bordetella Pertussis con antibiotici a base di Eritromicina e Claritromicina. La pertosse è 
facilmente riconoscibile dai sintomi. Si presenta con una respirazione rumorosa anticipata da una tosse molto forte. Dopo circa 5-6 colpi di tosse stizzosa,
 viene eliminato dell’espettorato mucoso e filante. 

Anche la polmonite infettiva provoca tosse secca. In tal caso si somministrano sciroppi antitussivi e 
sostanze demulcenti per attenuare il fastidio.

Quando invece, la causa della tosse secca è il fumo, l’unico e vero rimedio è di smettere di fumare. 
Durante il decorso di disintossicazione, si possono assumere sciroppi demulcenti, oppure si può 
ricorrere al classico rimedio della nonna, un bel bicchiere di latte caldo con il miele. A volte sono proprio gli stessi prodotti usati per smettere di fumare a provocare la tosse.

Ricorrere all’omeopatia per combattere la tosse secca.

Anche i rimedi omeopatici possono dare sollievo e curare chi soffre di tosse secca cronica e 
persistente. Alcuni dei più efficaci farmaci omeopatici sono l’Aconitum napellus, il Phosphorus, 
l’Hyoschiamus niger, il Lycopodium clavatum, la Belladonna e la Spongia.

Ricordatevi che il fai-da-te sia nella medicina omeopatica che in quella tradizionale è fortemente 
sconsigliato, perché, invece che risolvere il problema, potreste contribuire ad aggravarlo assumendo dei medicinali non adatti alla vostra sintomatologia oppure, addirittura, pericolosi. Se i rimedi naturali non funzionassero e se i sintomi continuassero a peggiorare, è il caso di rivolgersi tempestivamente ad un medico, in modo da valutare il percorso terapeutico da effettuare e le cause di un disturbo tanto persistente e durevole.



COSA TI PORTA IL 2017 ?



Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti e Blog personalizzati visita : http://www.cipiri.com

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...